domenica 12 dicembre 2021

L'obesità favorisce le malattie venose?




Dai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità emerge che nel 2020 il 10,4% della popolazione italiana è risultata obesa e 1/3 dei bambini sotto gli 8 anni di età è in sovrappeso. 

In Italia sono in sovrappeso 22 milioni di adulti con oltre 6 milioni di obesi. L'obesità contribuisce negativamente su numerose malattie degenerative croniche fra cui le malattie venose. Questa correlazione è legata a tre fattori fondamentali:




nell’obesità

-   - si instaura un progressivo aumento dell’insulina in combinazione con uno stato proinfiammatorio sistemico che è sostenuto anche da un’errata alimentazione, uno scorretto stile di vita, una scarsa tolleranza allo stress

-            -  si attiva la cascata coagulativa che favorisce il tromboembolismo venoso;

-      - si produce un aumento della pressione intra-addominale che provoca una compressione sulle vene iliache con incremento della pressione venosa agli arti e conseguente sfiancamento della parete delle vene e incontinenza delle loro valvole. Il sistema valvolare normalmente impedisce al sangue di refluire verso il basso.  Allorquando i lembi valvolari non combaciano, il sangue non riesce a progredire verso il cuore e ritorna verso il basso, determinando un ulteriore incremento della pressione e, quindi, una progressiva dilatazione delle vene che si allungano e diventano tortuose (vene varicose).

A volte l'obesità può mascherare le vene varicose perché il grasso in eccesso negli arti le nasconde. Inoltre, poiché l'obesità grave produce un aumento della pressione anche nelle vene profonde degli arti, compaiono delle ulcere cutanee che spesso richiedono molti mesi per guarire.


Per questo motivo, quando si avvertono sintomi come gambe pesanti, gambe doloranti, gonfiore o alterazioni della pelle, nonché vene dilatate, è consigliabile rivolgersi ad uno specialista per una precisa diagnosi e la scelta della più adeguata strategia terapeutica.

 

Come minimizzare i rischi delle vene varicose?

Dieta, esercizio fisico e cambiamenti nello stile di vita sono chiavi importanti per perdere peso. L'alimentazione umana si è spostata da cibi "naturali" benefici a cibi trasformati, da grassi "buoni" a grassi "cattivi" e da una quota più bassa a una più alta di carboidrati (per lo più raffinati). I fornitori di modelli nutrizionali finalizzati al guadagno (industrie) orientano la qualità e la quantità dell'assunzione quotidiana di cibo: da un lato i media e le industrie tendono a diffondere abitudini nutrizionali dannose (ad esempio, dipendenza da zucchero gratificante per il cervello), consumo di cibi preconfezionati ricchi di additivi e uso di costosi prodotti della tecnologia, dall’altro, purtroppo, questi stimoli incontrano un basso livello di critica da parte dei pazienti e degli operatori sanitari stessi.

Allo stesso modo il sedentarismo, si sta diffondendo sempre più tra le nuove generazioni.

Lo stress cronico associato all'aumento dei comfort e della facilità di vita ha ridotto significativamente le difese dell’organismo umano nei processi di sviluppo delle malattie.

 

Qual è la strategia terapeutica?

Un piano di trattamento della malattia venosa cronica non può, quindi, prescindere anche dal trattamento dell’obesità. Le risorse terapeutiche includono miglioramenti nella dieta



e aumento dell'esercizio fisico, ma anche tutte le altre opzioni terapeutiche di carattere riabilitativo, psicologico, farmacologico e chirurgico bariatrico. 

La cura delle ulcere, la terapia compressiva, la scleroterapia, il trattamento delle varici endovascolare (ablazione in radiofrequenza o laser ) e/o chirurgico “open” ( stripping safenico, flebectomie, CHIVA) traggono risultati più soddisfacenti quando si associano al calo ponderale.


A cura della dott.ssa Rosa Apicella

Specialista in Chirurgia Vascolare 

Specialista in Chirurgia Generale



 

 



Nessun commento:

Posta un commento

Monitoraggio quotidiano della temperatura del piede nei diabetici a rischio di ulcere.

                                                                                                                                            ...