domenica 10 gennaio 2021

Inverno e vene varicose – È il momento di curarsi!

 






Il miglior periodo per curare le vene varicose è l’inverno.

Le temperature basse del periodo invernale sono un valido aiuto per chi soffre di vene varicose. La vasocostrizione da freddo fa sì che non si avverta pesantezza agli arti, non si formino edemi marcati, non si sfiocchino nuovi capillari e che si riduca il rischio di complicanze quali tromboflebiti ed ulcere. Inoltre si è disposti ad indossare calze elastiche più che in estate.



Chi è affetto da vene varicose se ne accorge o si ricorda di soffrirne in primavera, quando cominciano i primi caldi che accentuano la sintomatologia dell’insufficienza venosa, le donne abbandonano i pantaloni e indossano abiti più corti e calze più velate e nelle nostre zone cominciano i primi bagni a mare. Pertanto proprio in tale stagione diventa pressante la necessità di affrontare le cure prima che sopraggiunga il caldo intenso dell’estate.


La terapia della malattia varicosa si fonda non tanto sull’assunzione di farmaci e sulla compressione elastica, ma soprattutto sulla scleroterapia e sulla terapia chirurgica open (stripping, crossectomia, flebectomia, legatura perforanti, CHIVA,  SEPS…)



oppure endovascolare con radiofrequenza o laser. 




Il trattamento di scelta è personalizzato in quanto deriva dalla valutazione accurata non solo del quadro clinico e dello stadio della malattia, ma soprattutto della mappa venosa con lo studio mediante ecocolordoppler dell’emodinamica venosa che consente di valutare i reflussi.



In ogni caso i tempi di trattamento sono lunghi. La scleroterapia, infatti, si effettua con sedute multiple di iniezioni endovenose con intervalli di almeno 1 settimana fra l’una e l’altra; l’approccio chirurgico prevede liste d’attesa, quest’anno ancor più lunghe a causa della pandemia, e i risultati si stabilizzano a distanza di almeno 1 mese dall’intervento.



Per tale motivo è opportuno curarsi nella stagione invernale e comunque non oltre la primavera in modo da poter godere la bella stagione estiva “ in forma”.




A cura della dott.ssa Rosa Apicella

Specialista in Chirurgia Vascolare 

Specialista in Chirurgia Generale

Nessun commento:

Posta un commento

Monitoraggio quotidiano della temperatura del piede nei diabetici a rischio di ulcere.

                                                                                                                                            ...