venerdì 29 aprile 2022

Monitoraggio quotidiano della temperatura del piede nei diabetici a rischio di ulcere.

                                                                                                                     




A cura della Dott.ssa Rosa Apicella
Specialista in Chirurgia Vascolare
Specialista in Chirurgia Generale 


L'incidenza delle complicanze del piede diabetico, in particolare delle ulcrae, è in aumento in tutto il mondo. Più della metà delle persone che si presentano per la cura di una lesione al piede si infetta. A livello globale, questo si traduce in un'amputazione ogni 30 secondi con oltre 2500 arti persi al giorno. Gli studi hanno dimostrato che il tasso di mortalità a 5 anni nei pazienti con diabete a seguito di un'amputazione maggiore è significativo e persino maggiore di molte forme di cancro.

Diverse sono le strategie di prevenzione della malattia del piede diabetico. È indispensabile un’attenta valutazione di una coesistente neuropatia, di una arteriopatia e di una disfunzione dell’appoggio plantare per evitare l’insorgenza di ulcere che possono condurre a gravi danni al piede, tanto da esitare in un’amputazione.

Un altro importante parametro da considerare è l’infiammazione/ infezione che va riconosciuta quanto più precocemente possibile.

Le linee guida internazionali suggeriscono di educare i pazienti a rischio di malattia del piede diabetico a monitorare quotidianamente la temperatura cutanea del piede, giacché l’incremento di essa è indice, appunto, di infiammazione/infezione.

Queste le istruzioni per il monitoraggio della temperatura del piede:






     

      Ogni mattina al risveglio (o poco dopo) controllare la temperatura sotto i piedi.






Utilizzando un termometro digitale ad infrarossi, misurare la temperatura sulle seguenti aree della pianta sia sul piede sinistro che su quello destro:



-        -  alluce

-        -  punta del piede sotto l'alluce

-        -  punta del piede sotto il 3° dito

-        -  punta del piede sotto il 5° dito

-        -  metà del piede

-        - tallone




Registrare tutte le temperature su questo diario.

Se la differenza tra due siti corrispondenti sui piedi sinistro e destro è superiore a 2,5 °C, consultare il proprio medico di fiducia.

In attesa di un appuntamento, non rimanere a lungo in piedi e non riprendere il normale livello di attività fisica finché la differenza di temperatura non si riduce ad un valore inferiore a 2,5 °C. 

Una temperatura non rilevata dal termometro digitale ed indicata come bassa è indice di un deficit di flusso arterioso. Pertanto impone un’urgente valutazione specialistica chirurgica vascolare.


Riferimento bibliografici

IWGDF - Guideline on interventions to enhance healing of foot ulcers in persons with diabetes - 2021

David G Armstrong et al. - Dermal Thermometry for the High-Risk Diabetic Foot - Physical Therapy . Volume 77 . Number 2 . February 1997

R. Gary Sibbald et al. - Skin Thermometry: An Underutilized Cost-effective Tool for Routine Wound Care Practice and Patient High-Risk Diabetic Foot Self-monitoring- Advances in Skin and WoundCare - January 2015

Monitoraggio quotidiano della temperatura del piede nei diabetici a rischio di ulcere.

                                                                                                                                            ...